[Immagine: Ernesto Morales, Clouds XVIII – oil on canvas – cm100x150- 2018 – Collezione privata]

 

Ernesto Morales è l’artista protagonista della mostra “Memoria dell’impermanenza” a cura di Nicola Davide Angerame, che inaugura presso la Fondazione Peano di Cuneo sabato 22 giugno.

Il fil rouge dell’esposizione si collega ad una tematica fondamentale nell’istituzione della Fondazione Peano, la relazione tra arte e natura:  “la nuvola diventa fiume, mare, oceano e magari torna nuvola dall’altra parte del mondo. La nuvola che è sempre diversa ma è sempre la stessa, attraversando il tempo. La nuvola diventa simbolo di tutto ciò che si rigenera, si trasforma, la nuvola ci indica che tutto è interconnesso” afferma Morales.

La riflessione di Morales si estende dalla centralità dell’icona della nuvola alla pittura come esito dell’indagine artistica: il colore gocciola e lascia una traccia mutevole nel dipinto, simbolo della trasformazione del pensiero e della vita stessa.

 

 

Ernesto Morales (1974) è un artista argentino che ha partecipato a personali e collettive in Europa e all’Estero, decidendo di stabilire il suo Studio in Italia a Torino dal 2011; indaga l’iconografia della nuvola in pittura dal 2001, data di inizio del suo progetto Atlante delle nuvole.

 

 

 

MEMORIA DELL’IMPERMANENZA

Ernesto Morales

A cura di Nicola Davide Angerame

Inaugurazione 22 giugno alle ore 18.00

22.06 – 21.07.2019

Fondazione Peano

C.so Francia 47, Cuneo

Dal giovedì alla domenica, dalle ore 16 alle 19

Info: moralesern@gmail.comhttp://www.ernestomorales.it/https://www.fondazionepeano.it/